• Autoscuola Velox

QUANDO UN RIFIUTO E' SOTTOPOSTO ALL'ADR?

Preliminarmente è necessario verificare se il rifiuto è elencato nella tabella nominativa ADR (ad esempio un accumulatore al piombo esausto); in caso negativo, esso deve essere considerato come una soluzione o miscela di più sostanze, pericolose o non, ed è quindi necessario identificare i suoi componenti (attraverso il formulario che deve accompagnare il trasporto oppure tramite il prelievo di campioni e la loro analisi chimica). Fatto ciò, l’applicazione dei criteri di cui alla sezione 2.1.3 permetterà di giungere alla classificazione del rifiuto nella rubrica più appropriata.

 

 

 

E’ necessario evidenziare che il criterio di classificazione di un rifiuto, come pericoloso o non pericoloso, è concettualmente diverso da quello applicato per la classificazione ai fini del trasporto (quest’ultimo ha natura più strettamente tecnica rispetto al “rischio ambientale”). Può perciò verificarsi che un rifiuto classificato come pericoloso ai sensi del D.lgs. n. 152/06 e s.m.i. (cosiddetto “Testo unico ambientale”) non sia poi classificato come tale per l’ADR, o viceversa.

Apri la vetrina

Trasporto rifiuti

Un capitolo particolare va dedicato al trasporto dei rifiuti pericolosi i quali, occorre sottolinearlo, sono considerati dall’ADR come le altre sostanze o le loro miscele, non avendo alcuna importanza il fatto che si trovino alla fine (piuttosto che all’inizio) del loro “ciclo vitale”.

Per quanto riguarda la verifica del rispetto delle prescrizioni ADR, va tenuto presente che, per quanto sopra spiegato, tale normativa si applica ai rifiuti come a qualsiasi altra merce pericolosa; in particolare vanno quindi rispettate le norme relative a:

  • l’idoneità del veicolo, che deve essere riferita al tipo di sostanza pericolosa prevalente trasportata;
  • la documentazione di trasporto, tenuto conto delle differenze tra norme tecniche e amministrative (N.B.: il documento di trasporto e il formulario non sono la stessa cosa);
  • modalità di trasporto (ad esempio il trasporto alla rinfusa è ammesso solo a particolari condizioni);
  • pannelli ed etichette di pericolo, che si riferiscono alla sostanza pericolosa prevalente contenuta nel rifiuto.

L’Autoscuola VELOX, tramite il proprio ingegnere Consulente ADR esperto anche nel settore dei RIFIUTI, è a disposizione per chiarimenti ed approfondimenti.

Il docente dei corsi ADR è un ingegnere con laurea specialistica in possesso del certificato CE di “Consulente per la sicurezza dei trasporti di merci pericolose” dall’anno 2001 per le modalità stradale e ferroviaria per tutte le classi di pericolo, compresi gli esplosivi dei i radioattivi.


Il docente

L’ingegnere opera da diversi anni come consulente ADR con diversi Studi di consulenza ambientale e con diverse Aziende italiane che operano sia nel settore delle materie prime pericolose che nel settore dei rifiuti ed è accreditato presso il Ministero dei Trasporti in qualità di esperto nella formazione al trasporto delle merci pericolose in regime ADR.

Il docente tiene regolari corsi di formazione professionale per conducenti di veicoli adibiti al trasporto delle merci pericolose, effettua presso le Aziende la formazione di base, specifica ed in materia di sicurezza obbligatoria espressamente prevista dall’Accordo ADR (cap. 1.3) per il personale impiagato presso le Aziende ed organizza periodici corsi specifici di preparazione all’esame ministeriale di “Consulente per la sicurezza al trasporto delle merci pericolose ADR” – aggiornamento e primo conseguimento.


AUTOSCUOLA VELOX - CORSI ADR | 62, Via Cividale - 33100 Udine (UD) - Italia | P.I. 02362310308 | Tel. +39 0432 294992 | Fax. +39 0432 294992 | autoscuola.velox@virgilio.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy